lunedì 24 luglio 2017

Un metodo ancora valido?



Sono stati già versati fiumi d’inchiostro sulla foto che ritrae il Preposito generale della Compagnia di Gesú, Padre Arturo Sosa, in preghiera in un tempio buddista. Che altro aggiungere a quanto è stato scritto? A parte una grande tristezza per il declino di un Ordine glorioso, al quale per diversi motivi sono indissolubilmente legato, mi pongo una domanda: Ma come è stato possibile? Come è possibile che un Ordine religioso, che Sant’Ignazio ha voluto edificare sul solido fondamento degli esercizi spirituali, del silenzio, dell’orazione e del discernimento, potesse arrivare a questo punto?

domenica 23 luglio 2017

«Das locum paenitentiae»



Last Sunday we started reading the third discourse of Jesus in Matthew’s gospel—the “Sermon in parables.” We read the first of seven parables—the parable of the sower—with its explanation. Today we have read other three parables—the weeds, the mustard seed and the yeast. What they have in common is growth: the wheat grows along with the weeds; the mustard seed grows and becomes a big plant; the yeast makes dough rise. Which means that the kingdom of heaven is not something static, but dynamic: it grows from small beginnings to a great extension.

martedì 18 luglio 2017

I mulini a vento della “Civiltà Cattolica”



Sull’ultimo numero della Civiltà Cattolica è apparso un articolo, firmato dal Direttore della rivista Padre Antonio Spadaro e dal Direttore dell’edizione argentina dell’Osservatore Romano Marcelo Figueroa, dal titolo “Fondamentalismo evangelicale e integralismo cattolico. Un sorprendente ecumenismo”. Il fatto che il saggio sia accessibile a tutti sul sito della Civiltà Cattolica e che ne sia stata predisposta anche la traduzione in inglese fa capire che si vuole dare al testo la massima diffusione e che si vuole rivestire l’intervento di un’autorevolezza diversa rispetto a quella degli altri articoli di una rivista che, già di suo, non è una rivista qualsiasi, ma è sempre stata considerata un po’ come l’organo ufficioso della Santa Sede.

lunedì 17 luglio 2017

«Non calpestare e non intorbidare»



Nell’odierno Officium lectionis (1), la liturgia ci propone un testo di Agostino, tratto dal Sermo de ovibus (47, 12-14), nel quale il Santo Dottore, pur ribadendo che la cosa piú importante è avere una coscienza tranquilla («Questo è il nostro vanto: la testimonianza della nostra coscienza», 2Cor 1:12), ci invita a evitare qualsiasi atteggiamento che possa turbare la coscienza dei deboli:

domenica 16 luglio 2017

«Qui audit verbum et intellegit»



We start today the reading of the third discourse of Jesus in Matthew’s gospel. It is known as the “sermon in parables.” As a matter of fact, rather than a discourse, it is a collection of parables—seven, to be precise. We have read the first one today; we will read the other six on next two Sundays.

martedì 11 luglio 2017

È questo il programma?



Il mio ultimo post (non considerando le omelie), del 29 maggio scorso, si poneva la domanda: “Qual è il programma di Papa Francesco?”

domenica 9 luglio 2017

«Venite ad me»



Last Sunday we finished the reading of the second part of Matthew’s gospel. Today we start the third part, whose subject is “the Mystery of the Kingdom of Heaven.” This part also is subdivided into two sections—a narrative one and a discourse. Next Sunday we will begin the reading of the third discourse of Jesus—the so-called “Sermon of Parables.” The only passage from the narrative section that we read is the one we have just heard: few verses—six altogether—but very important. They are exactly about the mystery of the Kingdom of Heaven.

mercoledì 5 luglio 2017

The Renewal of Christian Fervor



Anthony Mary Zaccaria is not a famous Saint. Many people, even good Catholics, do not even know of his existence. Many priests and religious, since his liturgical celebration is inserted in the Roman Calendar, just know that he was the founder of a religious order—which one, they do not know, as the Barnabites are so few and little spread in the world. Even at school or in the ecclesiastical faculties, studying the Lutheran Reformation and the Catholic Counter-Reformation, when history handbooks have to deal with the foundation of new religious orders (the so-called “clerics regular”), they usually mention the first of these founders—Saint Cajetan—and the most famous of them—Saint Ignatius of Loyola—neglecting all others.

domenica 2 luglio 2017

«Qui recipit vos, me recipit»



One month ago, we celebrated the solemnity of Pentecost, with which Eastertide ends. Soon afterwards we resumed the so-called Ordinary Time, started after the Epiphany and interrupted with the beginning of Lent; but these last Sundays were replaced by some other important liturgical celebrations (Trinity Sunday; Corpus Christi; the Most Sacred Heart of Jesus). So, today is the first actual Sunday of the Ordinary Time after Pentecost.

domenica 4 giugno 2017

«Accipite Spiritum Sanctum»



Today is Pentecost Sunday, the conclusion of Easter Time and the fulfillment of the Paschal Mystery. Which means that Jesus died and rose again to send us the Holy Spirit. The Holy Spirit could be considered the best fruit of Easter. Taking our cue from the readings of today’s liturgy, let us try to see how important is the Holy Spirit in the life of the Church.

lunedì 29 maggio 2017

Quale programma?



Un lettore mi ha segnalato la conferenza che Enzo Bianchi ha tenuto a Cagliari la settimana scorsa, il 23 maggio (qui l’audio-clip). Al minuto 15:57 della registrazione, il relatore si lascia andare a una confidenza a proposito della determinazione di Papa Francesco nel portare avanti le riforme: 
Un giorno gli [= al Papa] è stato chiesto in una situazione confidenziale: «Ma, Santità, porterà a termine tutte queste riforme che annuncia?». La sua risposta è stata: «Io non pretendo; voglio che si inizino processi, e voglio che quel tanto di cammino che facciamo insieme non si possa piú tornare indietro».

domenica 28 maggio 2017

«Perseverantes unanimiter in oratione»



This last Sunday of Eastertide before Pentecost could be considered the “Prayer Sunday.” In today’s gospel, we read a passage from chapter 17 of John. This chapter is the conclusion—better, the climax—of the discourse that Jesus delivers to the apostles during the last supper. Well, at this point Jesus stops speaking to his disciples and turns to God in prayer. He addresses God in a way familiar to him, calling God “Father” (Abba). Since he does not pray only for himself, but even for his disciples—thus playing a role of intercessor—this prayer has been called the “high priestly prayer.”

giovedì 25 maggio 2017

«Ego vobiscum sum omnibus diebus»



We are reading this year the gospel of Matthew. Well, among the three synoptic gospels, Matthew is the only one not to mention the ascension of Jesus. Luke, on the contrary, writes about it twice—at the end of his gospel and at the beginning of the Acts of the Apostles (we have heard this latter account in the first reading).

domenica 21 maggio 2017

«Manifestabo ei meipsum»



Today’s gospel is the continuation of last Sunday’s selection. It is a passage taken from the long discourse delivered by Jesus during the last supper. If you remember, last week Jesus revealed his own identity to his disciples: “I am the way and the truth and the life. No one comes to the Father except through me. If you know me, then you will also know my Father … Whoever has seen me has seen the Father … I am in the Father and the Father is in me.” Now, it is time for promises.

lunedì 15 maggio 2017

«Ego sum via»



On the last three Sundays of Easter the gospel reading provides some excerpts from Jesus’s discourses during the last supper. This year we read two selections from chapter 14 of John. In the passage we have just heard, Jesus invites his disciples not to be troubled and to have faith in him, just as they already have faith in God. It is an indirect way to exhort them to put Jesus on the same level as God.

martedì 9 maggio 2017

A proposito di rigidità



Qualcuno dirà che voglio fare le pulci al Santo Padre. Il fatto è che quando un Pontefice — con i suoi buoni motivi che non sarò io a contestare — decide di abbandonare quell’aura sacrale che aveva finora avvolto la sua persona, per mettersi al livello degli altri, è inevitabile che, cosí facendo, si esponga a possibili critiche. Penso che questo Papa Francesco lo abbia previsto e che, tutto sommato, non solo non gli dia fastidio, ma gli faccia pure piacere. È ovvio che, se un Papa non limita il suo magistero alle encicliche e ai discorsi ufficiali, ma ritiene utile tenere quotidianamente una meditazione a braccio sulla liturgia del giorno, qualcuno possa avanzare degli appunti alle sue riflessioni, che non sono — come ho avuto modo di dire in altra occasione — “magistero” propriamente detto, ma semplice esercizio del munus docendi della Chiesa, come nel caso di qualsiasi altro sacerdote. Ciò che conta è che, se si fa una legittima critica, essa si mantenga nei limiti della buona educazione ed entro i parametri previsti dal diritto:
In modo proporzionato alla scienza, alla competenza e al prestigio di cui godono, [i fedeli] hanno il diritto, e anzi talvolta anche il dovere, di manifestare ai sacri Pastori il loro pensiero su ciò che riguarda il bene della Chiesa; e di renderlo noto agli altri fedeli, salva restando l’integrità della fede e dei costumi e il rispetto verso i Pastori, tenendo inoltre presente l’utilità comune e la dignità delle persone (can. 212, § 3).

domenica 7 maggio 2017

«Ego sum ostium»




The fourth Sunday of Easter is the “Good Shepherd Sunday.” On this Sunday, some passages from chapter 10 of John’s gospel are read. This year we read the beginning of the chapter. If you remember, during Lent, namely on the fourth Sunday, we read chapter 9, that is to say the healing of the man born blind. At the end of that story some Pharisees ask Jesus: “Are we also blind?” And Jesus replies: “If you were blind you would have no sin; but now you are saying, ‘We see,’ so your sin remains.” Well, the Good Shepherd discourse that we read in chapter 10 is the continuation of Jesus’ answer to the Pharisees.

martedì 2 maggio 2017

Meglio atei?



Confesso di non aver mai seguito con eccessiva attenzione i Papi nei loro viaggi apostolici. Son sempre stato del parere che, quando un Papa visita un paese, è giusto che se lo godano i fedeli e gli abitanti di quel paese. I discorsi che pronuncia in quella particolare circostanza sono in genere rivolti a loro e non a tutta la cristianità. Di solito perciò mi limito a leggere i titoli dei resoconti giornalistici, pur sapendo che, il piú delle volte, essi evidenziano solo alcuni aspetti, spesso marginali, di quanto ha effettivamente detto il Santo Padre.

domenica 30 aprile 2017

«Oportuit»



Speaking of Eastertide Sundays, the Norms on the Liturgical Year say: “The Sundays of this time of year are considered to be Sundays of Easter and are called, after Easter Sunday itself, the Second, Third, Fourth, Fifth, Sixth, and Seventh Sundays of Easter” (n. 23). The Sundays we are celebrating are no more—like in the old liturgy—“Sundays after Easter,” but “Sundays of Easter.” Which means: it is still Easter—and it will be so until Pentecost. That is apparent from today’s liturgy of the word. All three of the readings are a proclamation of the paschal mystery, just as if it were Easter Sunday. Mind you, we celebrate the paschal mystery in its entirety, that is to say, both the passion and the resurrection of Christ. Often, when we speak of Easter, we only think of the resurrection, as if Jesus’ sufferings and death were just an unpleasant chance event to be soon forgotten. Today’s readings show that the apostles’ preaching was different.

domenica 23 aprile 2017

«Non videntes, credentes autem»



As we were saying during the Paschal Triduum, on Eastertide the Church does not read the Old Testament. So, the first reading, during this liturgical season, is usually taken from the Acts of the Apostles, which is the book of the New Testament that narrates the infancy of the Church. The Risen Lord continues to be present in the world through his Church. Today we have read the first of three summaries that outline the chief characteristics of the Jerusalem community. Luke, the author of Acts, enumerates four of these features: the first Christians were faithful to the teaching of the apostles; they lived together and put all things in common; they used to break the bread together (which means that they celebrated the Eucharist); and they went regularly to the temple for prayer. But I would like to emphasize a detail in this passage: the first Christians are described as “those who believed;” they are believers by definition: what distinguishes Christians from others is faith.

martedì 18 aprile 2017

Dottrina vs Discernimento



L’intervista rilasciata da Padre Arturo Sosa, Preposito generale della Compagnia di Gesú, al vaticanista Giuseppe Rusconi (pubblicata su Rossoporpora) ha fatto parlare di sé soprattutto per l’infelice battuta sull’assenza di registratori al tempo di Gesú. Connesse con quell’affermazione, però, Padre Sosa faceva alcune considerazioni sul discernimento, che sono state trascurate dai piú, ma sulle quali mi sembra opportuno soffermarsi, tenuto conto delle conseguenze che esse possono avere nella vita della Chiesa. I termini “discernere” e “discernimento” ricorrono nell’intervista 24 volte. Mi limiterò a riportare qui il passo dove si tratta del rapporto fra dottrina e discernimento:

domenica 9 aprile 2017

«Ave, Rex Judaeorum!»


Coptic Icon by Stephane Rene

There is an obvious contrast between the first and the second part of today’s liturgy. By the procession of palms, we have commemorated the triumphal entrance of Jesus into Jerusalem; at the Mass, we are celebrating the sorrowful passion of the Lord. We have abruptly passed from the “Hosanna” of the jubilant crowds welcoming Jesus to Jerusalem to the “Let him be crucified” of the people gathered in front of the praetorium. This unexpected U-turn is often used to emphasize the mental instability of the masses, ready to change their mind suddenly, according to the circumstances. More probably, they were not the same people. Or, at least, we hope so.

domenica 2 aprile 2017

«Ego sum resurrectio et vita»



On this Sunday, the third scrutiny of catechumens is celebrated, accompanied by the catechesis on Baptism from the gospel of John. The passage read today for this catechesis is the raising of Lazarus. In the gospel of John, Jesus performs seven miracles, called “signs.” This one is the last before the resurrection of Jesus himself. We could consider the raising of Lazarus as the climax of the previous signs. Jesus presents himself as “the resurrection and the life” (Ego sum resurrectio et vita). He is the one who conquers death and gives life: “Whoever believes in me, even if he dies, will live, and everyone who lives and believes in me will never die.”

lunedì 27 marzo 2017

Un progetto sbagliato



Un paio di settimane fa Aldo Maria Valli ha pubblicato sul suo blog un bel post, in cui, attraverso l’allegoria del sogno, esprime la nostalgia per una normalità che nella Chiesa odierna sembrerebbe divenuta cosí rara da essere costretti a sognarla. Si tratta di venti punti sui quali è difficile non trovarsi d’accordo: sono cose talmente ovvie (o, almeno, tali erano fino a pochi anni fa), che non ci dovrebbe essere bisogno di “sognarle”. Che i parroci debbano stare vicini alle coppie che decidono di sposarsi in chiesa; che le parole del vangelo siano chiare (e sicure) e vadano interpretate nel loro evidente significato; che la liturgia abbia la sua sacralità, e quindi tutti, dal Papa fino all’ultimo chierichetto, debbano assumere un atteggiamento consono; che le pontificie accademie debbano farsi promotrici dei piú autentici valori morali, ecc. ecc., sono cose scontate per ogni buon cattolico. Talmente scontate che non dovremmo star qui a parlarne. E invece, nel momento storico che ci troviamo a vivere, sono diventate oggetto di nostalgia, visto che la “normalità” è diventata un’altra, e coincide con l’opposto di tutte quelle ovvietà (che pertanto finiscono per essere considerate eccezioni, stravaganze, singolarità). Grazie, perciò, a Valli per averci ricordato che molto di ciò che oggi viene spacciato per normale, normale non lo è affatto.

domenica 26 marzo 2017

«Et abii, et lavi, et vidi, et credidi Deo»



We have covered a half of our Lenten journey. This fourth Sunday marks a kind of stop, as if we had to take refreshment. From the first word of the Entrance Antiphon, it is called Laetare, which means “Rejoice.” We are invited to be glad. The liturgical color is rose, precisely to emphasize this sense of joy.

domenica 19 marzo 2017

«Da mihi bibere»



As we were saying on Ash Wednesday, Lent, besides being for all the faithful a time of preparation for Easter, is also the last stage of the catechumens’ preparation for Baptism: for them, it is a “period of purification and enlightenment.” In the three central Sundays of Lent the so-called “scrutinies,” with their respective exorcisms, are celebrated. These scrutinies are accompanied by a catechesis on Baptism, done through the reading of three passages from the gospel of John. By means of these selections, Baptism is progressively presented as a kind of purification (today), and as an instrument of enlightenment and rebirth (on next Sundays).

mercoledì 15 marzo 2017

Cristo epifania della divina misericordia



Nel lezionario biennale per l’Officium lectionis preparato dall’Unione monastica per la liturgia (L’Ora dell’Ascolto, Piemme-Edizioni del Deserto, Casale Monferrato, 1989) come seconda lettura oggi viene proposto un brano tratto dai «Discorsi sul Cantico dei Cantici» di san Bernardo (Discorso 61, 3-5: Opera omnia, 2, 150-151). Lo condivido con voi perché mi sembra utile per fare alcune riflessioni.

lunedì 13 marzo 2017

Due pesi e due misure



In questi giorni capita di leggere articoli dai toni un po’ apocalittici, riguardanti presunti progetti di riforma liturgica, che avrebbero come obiettivo la creazione di un nuovo rito eucaristico che permetta la partecipazione di fedeli appartenenti a diverse confessioni cristiane. Di fronte a tali annunci, sinceramente, si rimane alquanto perplessi, dal momento che non si riesce a vedere che fondamento abbiano: di solito un articolo cita l’altro, senza mai fornire una fonte attendibile, che non siano le solite “voci” (o forse, piú probabilmente, all’origine c’è l’errata interpretazione di alcune informazioni credibili, ma non ben comprese).

sabato 11 marzo 2017

Jesus alone



Just as the first Sunday of Lent is traditionally dedicated to the temptation of Jesus, so the second one is devoted to his transfiguration. As if to say: Lent is not only a time of desert, temptation and penance; it is also an invitation to go up the mountain to contemplate the shining face of Christ.

lunedì 6 marzo 2017

Papi usa e getta



Di norma, sono portato a non dare eccessivo credito ai rumors. Ritengo che la realtà di ogni giorno ci riservi già sufficienti preoccupazioni di suo, per permetterci il lusso di fasciarci la testa prima di essercela rotta: «A ciascun giorno basta la sua pena» (Mt 6:34). Cosí, nella Chiesa attuale, ci sono già abbastanza problemi con i fatti che accadono, con i documenti che si scrivono, con i discorsi che vengono pronunciati; non mi sembra proprio il caso di correre anche dietro alle voci, a ciò che “si dice” a Santa Marta, a quello che il solito “pretino” rigorosamente anonimo confida al giornalista di turno, a quanto rivelano le “fonti riservate” di questo o quel vaticanista, di professione o da strapazzo.

sabato 4 marzo 2017

«Per unius oboeditionem»



With the beginning of Lent, we interrupt the continuous reading of the gospel of Matthew. We will resume it after the end of Eastertide. Lent has its own cycle of readings sanctioned by tradition.

domenica 26 febbraio 2017

«Non potestis Deo servire et mammonae»



This coming Wednesday is Ash Wednesday. So, today is the last Sunday before Lent. When, in June, after Pentecost, we resume Ordinary Time, we will read the second discourse of Jesus in Matthew’s gospel, the so-called “missionary discourse.” Therefore, today we conclude the reading of the sermon on the mount.

lunedì 20 febbraio 2017

Dato per letto



Venerdí scorso Papa Francesco si è recato all’Università Roma Tre, dove si è incontrato con gli studenti. A proposito della visita, il bollettino della Sala stampa della Santa Sede riportava la seguente informazione:
«Nel corso dell’incontro sul Piazzale antistante l’Università, introdotto dall’indirizzo di omaggio del Magnifico Rettore, Papa Francesco ha risposto a braccio alle domande poste da quattro studenti, dando per letto il testo preparato in precedenza e consegnato ai presenti».
Le domande degli studenti, ovviamente, erano state preparate in anticipo e il discorso che il Santo Padre avrebbe dovuto pronunciare conteneva appunto le risposte a quelle domande. Ciò nonostante, Papa Bergoglio ha preferito rispondere a braccio. Non è la prima volta che questo accade, né nell’attuale né in precedenti pontificati. Giovanni Paolo II, per esempio, specialmente negli ultimi anni, quando non era piú in grado di parlare fluentemente, era solito consegnare in una busta il discorso che era stato preparato. L’attuale Pontefice poi pare che avesse già adottato questo sistema nelle visite ad limina. Ha suscitato un certo clamore il discorso — non letto, ma solo consegnato — rivolto ai Vescovi tedeschi, del quale Papa Francesco si sarebbe successivamente scusato dicendo: «Non l’ho scritto io, non l’avevo letto, non tenetene conto» (vedi qui).

sabato 18 febbraio 2017

«Estote vos perfecti»


Up to now I used to prepare my homilies on Sunday, since both Masses I had to celebrate were on Sunday. Now that the Mass for the troops has been anticipated on the previous evening, I have to prepare my homily on Saturday. So I can post it in advance. Maybe, it can be helpful for some fellow priests.


In today’s gospel we find the continuation of the antitheses of the Sermon on the Mount. Last Sunday we read the first four antitheses; today, the last two. We were pointing out that, when Jesus quotes one of the commandments, he extends and deepens the meaning of that commandment; on the contrary, when he quotes subsequent adaptations of the law, he rejects them and goes back to the original intention of God. Well, we find this different attitude of Jesus even in the last two antitheses.

martedì 14 febbraio 2017

Quando la forma è sostanza



Fece un certo scalpore, nel novembre scorso, la dichiarazione rilasciata dal Presidente della Commissione per la famiglia della Conferenza episcopale polacca, Mons. Jan Wątroba, a proposito dei dubia dei quattro Cardinali circa l’esortazione apostolica Amoris laetitia. In quell’occasione il Vescovo di Rzeszów ebbe a dire: «Io personalmente — forse per abitudine, ma anche con profonda convinzione — preferisco un’interpretazione come era solito fare Giovanni Paolo II, dove non c’era bisogno di commenti o interpretazioni del magistero di Pietro» (qui).

domenica 12 febbraio 2017

«Non veni solvere sed adimplere»



Sometimes we encounter in Scripture statements that may appear contradictory. Saint Paul, in his letter to the Ephesians, says: “[Christ abolished] the law with its commandments and legal claims” (Eph 2:15). Jesus, in today’s gospel, declares: “Do not think that I have come to abolish the law and the prophets. I have come not to abolish but to fulfill.” So, who is right, the gospel or Paul? Did Jesus actually abolish the law or not? It is not a question of little account, because our life depends on the answer to this question: if the law is still in force, we are obliged to observe it; if Jesus has abolished it, we can feel free to behave according to our will. Today’s liturgy helps us to answer this question.

venerdì 10 febbraio 2017

Auctoritates



Sull’ultimo numero della Civiltà Cattolica (quaderno 3999) il Vicedirettore Padre Giancarlo Pani ha pubblicato un articolo su “La donna e il diaconato” (abstract; parzialmente citato dal blog Settimo cielo), nel quale si avventura su un terreno insidioso, in cui, a mio parere, avrebbe fatto meglio a non inoltrarsi: la questione del sacerdozio femminile, definitivamente risolta con la lettera apostolica Ordinatio sacerdotalis di Giovanni Paolo II del 22 maggio 1994.

martedì 7 febbraio 2017

Traduzioni e ideologia



Mi ero ripromesso di tornare sulla notizia della costituzione, presso la Congregazione per il culto divino e la disciplina dei sacramenti (CCDDS), di una commissione incaricata di rivedere Liturgiam authenticam, e cioè la “quinta istruzione per la retta applicazione della Costituzione sulla sacra liturgia del Concilio Vaticano II sull’uso delle lingue volgari nella pubblicazione dei libri della liturgia romana” del 28 marzo 2001 (qui il testo originale latino; qui la traduzione inglese; qui il comunicato stampa in italiano). Ne aveva parlato per primo Sandro Magister sul blog Settimo Cielo, in un post dell’11 gennaio; successivamente, il 26 gennaio, la notizia era stata confermata da Gerard O’Connel sulla rivista dei gesuiti America.

domenica 5 febbraio 2017

«Sal terrae ... lux mundi»



Last week we were saying that the new law, promulgated by Jesus on the mountain, is a sui generis law: before being a code of precepts, it is a good news item. In the Beatitudes Jesus confines himself to declaring that the poor are blessed, that they are God’s favorites, regardless of their merits and holiness. If you remember, Saint Paul told us that God does not choose the best, the wise and the strong, but the foolish, the weak and the lowly, so that no one may boast before him. God’s election is totally free; it does not depend on our works. In the letter to the Galatians, Paul says: “By works of the law no one will be justified … if justification comes through the law, then Christ died for nothing” (Gal 2:16.21). For this reason, addressing the Corinthians—as we have heard in the second reading—he reminds them that “I resolved to know nothing while I was with you except Jesus Christ, and him crucified.”

giovedì 2 febbraio 2017

“Mutuo arricchimento”


Ieri mi sono imbattuto in questo articolo, che ho trovato estremamente interessante. È stato scritto dal Padre Peter M. J. Stravinskas, fondatore e superiore della Società sacerdotale del Beato John Henry Newman, fondatore e presidente della “St. Gregory Foundation for Latin Liturgy”, fondatore e direttore della rivista The Catholic Response. Mi sembra un articolo pieno di buon senso e immune da ogni sorta di prevenzioni ideologiche. Ritengo che le considerazioni in esso contenute dimostrino, se ce ne fosse bisogno, che:

a) se è vero che il Novus Ordo (la “forma ordinaria” del rito romano) può avere dei limiti, certamente anche il Vetus Ordo (la “forma straordinaria”) non ne è esente;
b) che il Vaticano II vide giusto quando individuò tali limiti e ne indicò la soluzione;
c) che i Padri conciliari non avevano intenzione di creare un nuovo rito della Messa, né da sostituire all’antico né da giustapporre ad esso, ma solo di restaurare l’antico rito (e forse bisogna ammettere che la successiva riforma andò, in qualche misura, oltre le indicazioni dei Padri);
d) che la Sacrosanctum Concilium dovrebbe essere il punto di riferimento per la ricostituzione di un unico rito romano (obiettivo a cui dovrebbe tendere la cosiddetta “riforma della riforma”).

Alcuni dei punti qui trattati (specialmente le questioni del lezionario e del calendario), li avevo già presi in considerazione in un post del 6 marzo 2009. Ovviamente qui ci troviamo di fronte a uno studio molto piú ampio e completo, fatto da uno che conosce bene, per esperienza diretta, la forma straordinaria. Su altri punti ritengo che si possa tranquillamente discutere (p. es., alcuni aspetti della forma ordinaria, come la preghiera dei fedeli, prima di essere fatti propri dalla forma straordinaria, andrebbero radicalmente ripensati nella stessa forma ordinaria). In ogni caso, si tratta di un testo utile dal mio punto di vista per avviare una approfondita riflessione in materia.

Per tutti questi motivi, ho pensato che l’articolo meritasse una grande diffusione e perciò ne metto a disposizione dei lettori la traduzione italiana.
Q

martedì 31 gennaio 2017

Ritorno al passato



Circa un anno fa, precisamente il 23 febbraio 2016, scrissi un post su quella che mi sembrava una tendenza serpeggiante nella Chiesa d’oggi: la nostalgia degli anni immediatamente successivi alla conclusione del Concilio Vaticano II (“Formidabili quegli anni”). Mi sono tornate in mente quelle riflessioni nei giorni scorsi per due o tre circostanze. La prima è stata la lettura di un articolo del Timone sull’esortazione apostolica Amoris laetitia, la quale non sarebbe altro che la riproposizione delle tesi sostenute negli anni Ottanta dal Padre Bernhard Häring. La seconda circostanza è stata l’attacco del Prof. Andrea Grillo al Card. Carlo Caffarra sulla rivista Munera, nel quale si rievoca la protesta di un gruppo di teologi italiani alla fine degli anni Ottanta (capeggiata, anche questa, da Padre Häring). In questi giorni, infine, la notizia, data da SandroMagister e confermata dalla rivista dei gesuiti America, della costituzione di una commissione deputata alla revisione dell’istruzione Liturgiam authenticam (28 marzo 2001). Potrebbero sembrare — e senz’altro sono — fatti slegati fra loro; c’è però un filo rosso che li accomuna: lo sguardo rivolto al passato.

domenica 29 gennaio 2017

«Quaerite Dominum, omnes mansueti terrae»



Matthew most probably wrote his gospel for a Jewish-Christian community. This explains why we so often encounter in this gospel expressions like “All this took place to fulfill what the Lord had said through the prophet.” We saw it also last Sunday, when Matthew considered the return of Jesus to Galilee as the fulfillment of Isaiah’s prophecy. What Matthew is very keen on is to show that Jesus is the expected Messiah of Israel.

giovedì 26 gennaio 2017

«Volgi i tuoi passi a queste rovine eterne»


1 O Dio, perché ci respingi per sempre,
fumante di collera contro il gregge del tuo pascolo?
 2 Ricòrdati della comunità
che ti sei acquistata nei tempi antichi.
 Hai riscattato la tribú che è tua proprietà,
il monte Sion, dove hai preso dimora.
 3 Volgi i tuoi passi a queste rovine eterne:
il nemico ha devastato tutto nel santuario.
 4 Ruggirono i tuoi avversari nella tua assemblea,
issarono le loro bandiere come insegna.
 5 Come gente che s’apre un varco verso l’alto
con la scure nel folto della selva,
6 con l’ascia e con le mazze
frantumavano le sue porte.
 7 Hanno dato alle fiamme il tuo santuario,
hanno profanato e demolito la dimora del tuo nome;
8 pensavano: «Distruggiamoli tutti».
Hanno incendiato nel paese tutte le dimore di Dio.
 9 Non vediamo piú le nostre bandiere,
non ci sono piú profeti
e tra noi nessuno sa fino a quando.
 10 Fino a quando, o Dio, insulterà l’avversario?
Il nemico disprezzerà per sempre il tuo nome?
 11 Perché ritiri la tua mano
e trattieni in seno la tua destra?
 12 Eppure Dio è nostro re dai tempi antichi,
ha operato la salvezza nella nostra terra.
 13 Tu con potenza hai diviso il mare,
hai spezzato la testa dei draghi sulle acque.
 14 Tu hai frantumato le teste di Leviatàn,
lo hai dato in pasto a un branco di belve.
 15 Tu hai fatto scaturire fonti e torrenti,
tu hai inaridito fiumi perenni.
 16 Tuo è il giorno e tua è la notte,
tu hai fissato la luna e il sole;
17 tu hai stabilito i confini della terra,
l’estate e l’inverno tu li hai plasmati.
 18 Ricòrdati di questo:
il nemico ha insultato il Signore,
un popolo stolto ha disprezzato il tuo nome.
 19 Non abbandonare ai rapaci la vita della tua tortora,
non dimenticare per sempre la vita dei tuoi poveri.
 20 Volgi lo sguardo alla tua alleanza;
gli angoli della terra sono covi di violenza.
 21 L’oppresso non ritorni confuso,
il povero e il misero lodino il tuo nome.
 22 Àlzati, o Dio, difendi la mia causa,
ricorda che lo stolto ti insulta tutto il giorno.
 23 Non dimenticare il clamore dei tuoi nemici;
il tumulto dei tuoi avversari cresce senza fine.


Salmo 73 (74)

domenica 22 gennaio 2017

«Lux orta est»



On this Sunday, we start the reading of Matthew’s gospel that will accompany us during the present liturgical year. Since the gospels are four and we read them in pieces, in a discontinuous way, it is difficult for us to have a comprehensive view of them. Today’s passage can help us to assemble the different details we have about Jesus’ movements. We know that Mary and Joseph were from Nazareth in Galilee; but Jesus was born at Bethlehem in Judea, because of a census. After the visit of the magi, his family was forced to take refuge in Egypt, to avoid the persecution of Herod. After Herod’s death, they came back to the land of Israel and settled down in Nazareth, where Jesus grew up and lived until he was thirty (that is why he was known as Jesus of Nazareth or the Nazarene). The baptism, with which he began his public life, and the following temptations in the desert took place in Judea. Today’s gospel tells us that, since John the Baptist had been arrested, Jesus prudently preferred to withdraw to his homeland, Galilee. Then Matthew states that Jesus “left Nazareth and went to live in Capernaum.” He does not tell us why; but we know from Luke that he was forced to leave his hometown after visiting the synagogue there, when he said: “No prophet is accepted in his own native place” (Lk 4:16-30). Therefore, he took up his residence in Capernaum, a town on the northern shore of the Sea of Galilee, around thirty kilometers from Nazareth, and made it his headquarters. There he started his ministry, which was not confined to Capernaum, but covered the whole Galilee.

mercoledì 18 gennaio 2017

Ancora sulla FSSPX



Un lettore, che dichiara di trovarsi in genere in sintonia con quanto vado sostenendo in questo blog, mi ha scritto per esprimere il suo dissenso a proposito delle idee da me espresse nel post del 4 gennaio scorso (“Modi diversi di vivere la tradizione”). E mi sottopone una serie di domande piuttosto impegnative:

domenica 15 gennaio 2017

«Ecce Agnus Dei»



This second Sunday in Ordinary Time still reflects Christmastide that we left behind last week. Today’s gospel is connected with the baptism of Jesus. The protagonist of this liturgy is John the Baptist, who accompanied us through Advent and Christmas up to last Sunday. In today’s gospel, he bears his witness to Jesus. Maybe this is the most important moment in his life. Admittedly, he had started to testify to Jesus even from his mother’s womb: when Mary expecting Jesus visited Elizabeth pregnant with John, this one leaped for joy, feeling the presence of Jesus. One of the prefaces of Advent depicts the scene as follows: “John the Baptist sang of his coming;” and immediately afterwards, referring to his adult testimony, it adds: “and proclaimed his presence when he came.” This is the great merit of John the Baptist: to recognize Jesus and to show his presence in the world.

giovedì 12 gennaio 2017

A proposito di proselitismo



Domenica scorsa, festa del Battesimo del Signore, Papa Francesco, durante l’Angelus, è tornato sul tema del proselitismo. Dopo aver citato alcuni versetti della prima lettura del giorno (il “primo canto del Servo del Signore”) — «Non griderà, né alzerà il tono … non spezzerà una canna incrinata, non spegnerà uno stoppino dalla fiamma smorta; proclamerà il diritto con verità» (Is 42,2-3) — il Santo Padre ha proseguito:
Ecco lo stile di Gesú, e anche lo stile missionario dei discepoli di Cristo: annunciare il Vangelo con mitezza e fermezza, senza gridare, senza sgridare qualcuno, ma con mitezza e fermezza, senza arroganza o imposizione. La vera missione non è mai proselitismo ma attrazione a Cristo. Ma come? Come si fa questa attrazione a Cristo? Con la propria testimonianza, a partire dalla forte unione con Lui nella preghiera, nell’adorazione e nella carità concreta, che è servizio a Gesú presente nel piú piccolo dei fratelli. A imitazione di Gesú, pastore buono e misericordioso, e animati dalla sua grazia, siamo chiamati a fare della nostra vita una testimonianza gioiosa che illumina il cammino, che porta speranza e amore.

domenica 8 gennaio 2017

«Unxit eum Deus Spiritu Sancto et virtute»



Maybe the oldest testimony to the baptism of Jesus is that of Peter, which we have heard in the second reading. Speaking in the house of Cornelius, Peter said: “You know … what has happened all over Judea, beginning in Galilee after the baptism that John preached, how God anointed Jesus of Nazareth with the Holy Spirit and power (unxit eum Deus Spiritu Sancto et virtute).” This is the point of the event we celebrate today: more than the baptism in itself—Jesus did not need to be baptized—his anointing with the Holy Spirit and power. Jesus is consecrated by God as the Messiah, thus starting his public ministry.

venerdì 6 gennaio 2017

«Quae stella sole pulchrior coruscat?»




We could say that the leading actor of the Epiphany is a star. Not in the figurative sense we give to this term in the show business, but in the literal meaning of the word. Not only in the gospel is a mysterious star mentioned, which leads the magi from the east to Bethlehem; but all today’s liturgy is full of references to that star.

mercoledì 4 gennaio 2017

Modi diversi di vivere la tradizione




Questo blog (nato col titolo Senza peli sulla lingua e trasformatosi dal giugno scorso in Antiquo robore) ha avuto tre fasi: la prima, la piú lunga e la piú prolifica (359 post), va dalla sua nascita (gennaio 2009) fino al luglio 2011; la seconda è stata la piú breve (si è limitata a pochi mesi del 2013, tra marzo e maggio, con un occasionale sconfinamento nel mese di ottobre) e la meno feconda (8 post); la terza è quella attuale: iniziata un anno fa (gennaio 2016), ha finora prodotto 100 post (c’è però da dire che piú della metà di essi è costituito dalle mie omelie domenicali).

domenica 1 gennaio 2017

Theotokos



In the liturgy, as renewed after the Second Vatican Council, there are only two octaves left, for the two main solemnities of the liturgical year, that is, Christmas and Easter. Which means that these two solemnities continue to be celebrated for eight days: it is as if on each day of the octave it were Christmas or Easter. In the liturgy of an octave you can find texts which say that “today” that mystery has been accomplished: for instance, if you check your missal, you will see that one of the entrance antiphons of this Mass precisely begins by saying: “Today a light will shine upon us, for the Lod is born for us…” Even the gospel takes up again the story of the shepherds. It is the same gospel as at the Mass at Christmas dawn. But today’s selection adds a verse, to let us know what happened on the eighth day: “When eight days were completed for his circumcision, he was named Jesus, the name given him by the angel before he was conceived in the womb.” The events we specifically commemorate today are the circumcision of the Lord, according to the law, and the conferral of the Holy Name of Jesus.